• 05.12.2019

L'appuntamento si inserisce nell’ambito del public program The Mind is a Muscle. Danza e arti performative, curato da Riccardo Venturi.

Ogni incontro del public program si articola attorno a una parola suggerita dall’invitato. Per questo appuntamento il concetto chiave è il QUOTIDIANO, per sottolineare come la danza contemporanea abbia assimilato nel tempo i gesti quotidiani, decostruendo i codici ereditati dal balletto e dalla danza moderna. È nei primi anni Sessanta che il gesto quotidiano irrompe nella danza rappresentando uno strumento di rottura, segno della controcultura che avanzava sotterranea, spingendosi oltre i limiti ammessi dalla società. In questo contesto Simone Forti insieme a Yvonne Rainer, Steve Paxton e Trisha Brown sono alcuni tra i protagonisti di quel cambiamento che trae le sue radici dai desideri e dalle urgenze comuni di quegli anni, dalle collaborazioni e dagli scambi con compositori, artisti visivi, attori e registi come John Cage, Robert Morris, Robert Rauschenberg, Fluxus e il Living Theatre.

//

ROSSELLA MAZZAGLIA
(esperta storia della danza e docente di Discipline dello Spettacolo all’Università di Messina e Bologna)

//

L’incontro si inserisce nell’ambito del public program The Mind is a Muscle. Danza e arti performative, curato da Riccardo Venturi, un calendario di incontri e conversazioni con scrittori, curatori ed esperti di varie discipline, che da novembre 2019 ad aprile 2020 offre riflessioni e momenti di approfondimento sulle tematiche della danza e della performance dando vita a un fil rouge tra le mostre di Masbedo, Simone Forti e Charles Atlas in programma durante la stagione invernale negli spazi dell’istituzione.
 

ROSSELLA MAZZAGLIA  - “Cammino quindi sono”: i gesti ordinari del Judson Dance Theater

Locandina di Terrain di Yvonne Rainer. Disegno di Robert Rauschenberg.

Chiuso
No scheduled events
No scheduled events
No scheduled events
No scheduled events
Chiuso
Chiuso